Pseudoipoaldosteronismo

anatomical corona section of thw kidney with anatomy of the glomerulePannello Breda Genetics per questa condizione:

Pseudoipoaldosteronismo (CUL3, KLHL3, NR3C2, SCNN1A, SCNN1B, SCNN1G, WNK1, WNK4)

Sintesi

Col termine pseudoipoaldosteronismo (pseudohypoaldosteronism – PHA) si identifica un gruppo eterogeneo di difetti del metabolismo elettrolitico caratterizzati da apparente resistenza tubulare renale o resistenza all’azione dell’aldosterone. Si manifesta con iperkaliemia, acidosi metabolica e normale velocità di filtrazione glomerulare (VFG – o GFR in inglese) ipo o ipervolemia, perdita o ritenzione renale, ipotensione o ipertensione,  I livelli di renina e aldosterone possono essre normali, elevati o ridotti.

Descrizione clinica dettagliata

Lo pseudoipoaldosteronismo classificato in PHA di tipo I (PHA1), che è la forma classica, e in PHA tipo II (PHA2, o sindrome di Gordon), che raccoglie un gruppo geneticamente eterogeneo di deficit. Il PHA1 a sua volte include almeno due entità clinicamente distinguibili (PHA1A e PHA1B) associate a deficit renale o multiorgano. L’iperkaliemia infantile precoce (o acidosi tubulare renale di tipo IV, sottotipo 5) è una variante della forma renale di PHA1.

Il PHA1A è causato da mutazioni nel gene NR3C2 e mostra eredità autosomica dominante. Le mutazioni che causano perdita di funzione sono comuni. Nel PHA1A si ha perdita di sale derivante da una mancata risposta renale ai mineralocorticoidi. I pazienti possono manifestare perdita di sale renale con acidosi iperkaliemica nonostante i livelli elevati di aldosterone. Questi pazienti migliorano con l’età e diventano di solito asintomatici anche senza trattamento. Alcuni pazienti adulti possono mostrare elevati livelli di aldosterone, pur in assenza di segni clinici attuali o pregressi.

Il PHA1B è simile al PHA1A, ma porta a un più grave disturbo sistemico con persistenza nell’età adulta. Il PHA1B è causato da mutazione in uno qualsiasi dei tre diversi geni che codificano il canale del sodio epiteliale (SCNN1A, SCNN1B o SCNN1G) ed è trasmesso con modalità autosomica recessiva. C’è un elevato tasso di consanguineità tra i genitori e la penetranza è variabile . Nella maggior parte dei gentilizi studiati sono state identificate mutazioni con perdita di funzione in uno qualsiasi dei tre geni sopramenzionati. È stato ipotizzato che vi possano anche essere casi sporadici di PHA1B dovuti non a singola mutazione ma alla presenza di un insieme di polimorfismi che, interagendo fra di loro, possono causare la patologia. Tuttavia questa ipotesi non ha ancora trovato conferma. Il PHA1b è caratterizzato da alte concentrazioni di sodio nel sudore, nelle feci e nella saliva.

Il PHA2A, noto anche come sindrome di iperkaliemia-ipertensione di Gordon, è una condizione a tramissione autosomica dominante caratterizzato da ipertensione e iperkaliemia nonostante la normale filtrazione glomerulare renale. Il disturbo è sensibile al trattamento con diuretici tiazidici. Il PHA2A è causato da mutazione in un gene ancora sconosciuto che è stato mappato in regione cromosomica 1q31-q42.

PHA2B e PHA2C sono causati rispettivamente da mutazioni eterozigoti nel gene WNK4 e WNK1 e mostrano trasmissione autosomica dominante. Le mutazioni nei geni WNK4 e WNK1 portano ad un aumento del riassorbimento del sodio cloruro (NaCl) e alla diminuzione della secrezione di potassio (K+). I pazienti al di sotto dei 20 anni mantengono generalmente normali livelli di pressione sanguigna normale, sviluppando ipertensione solo in età adulta. Sono costanti e presenti fin dalla giovane età l’iperkaliemia, l’acidosi iper-cloridica e i bassi livelli di renina. In alcuni casi sono stati descritti problemi della crescita. La funzione renale rimane normale. La sindrome di Spitzer-Weinstein (nota anche come sindrome ipercaliemica dell’adolescente) è una forma precoce di PHA2 e può essere associata a bassa statura, debolezza muscolare e paralisi periodica.

Il PHA2D è causato da mutazioni del gene KLHL3 e può essere autosomico dominante o autosomico recessivo. Il fenotipo nelle due forme è simile. Il disturbo è caratterizzato da iperkaliemia renale ma funzionalità renale normale, ipertensione e acidosi. L’età media alla diagnosi è intorno ai 24-26 anni.

Il PHA2E è causato da mutazioni nel gene CUL3, è autosomico dominante ed è di gran lunga la forma più grave di pseudoipoaldosteronismo di tipo 2. Il disturbo è caratterizzato da iperkaliemia ma funzionalità renale normale, ipertensione e acidosi. L’insorgenza è tipicamente in età infantile, con un’età media della diagnosi intorno ai 9 +/- 6 anni. L’ipertensione è presente in quasi tutti i pazienti a partire dai 18 anni.

Genetica molecolare

Come sopra descritto, lo pseudoipoaldosteronismo genetico può essere causato da mutazioni monoalelliche o bialleliche in diversi geni. I geni finora conosciuti sono CUL3, KLHL3, NR3C2, SCNN1A, SCNN1B, SCNN1G, WNK1 e WNK4. Mutazioni in almeno un gene addizionale (ancora sconosciuto) causano PHA2A. Le mutazioni con perdita di funzione (loss-of-function) sono frequenti.

Iter diagnostico raccomandato

Data l’eterogeneità genetica, il test per lo pseudoipoaldosteronismo richiede un approccio attraverso un pannello multigene. A tale scopo è utili eseguire un’analisi next generation sequencing su base esoma o genoma intero.

Pannello Breda Genetics per questa condizione:

Pseudoipoaldosteronismo (CUL3, KLHL3, NR3C2, SCNN1A, SCNN1B, SCNN1G, WNK1, WNK4)

Bibliografia

Pseudohypoaldosteronism Type II. Ellison DH. In: Adam MP, Ardinger HH, Pagon RA, Wallace SE, Bean LJH, Stephens K, Amemiya A, editors. GeneReviews® [Internet]. Seattle (WA): University of Washington, Seattle; 1993-2018. 2011 Nov 10 [updated 2017 Feb 16]. PMID: 22073419

Pseudohypoaldosteronism. Riepe FG. Endocr Dev. 2013;24:86-95. PMID: 23392097

Aldosterone Deficiency and Resistance. Arai K, Chrousos GP. In: De Groot LJ, Chrousos G, Dungan K, Feingold KR, Grossman A, Hershman JM, Koch C, Korbonits M, McLachlan R, New M, Purnell J, Rebar R, Singer F, Vinik A, editors. Endotext [Internet]. South Dartmouth (MA): MDText.com, Inc.; 2000-. 2016 May 11. PMID: 25905305

Mechanisms of type I and type II pseudohypoaldosteronism. Furgeson SB, Linas S. J Am Soc Nephrol.  2010 Nov;21(11):1842-5. PMID: 20829405

WNK kinases and blood pressure control. Deaton SL, Sengupta S, Cobb MH. Curr Hypertens Rep. 2009 Dec;11(6):421-6. PMID: 19895753

Clinical and molecular features of type 1 pseudohypoaldosteronism. Riepe FG. Horm Res. 2009;72(1):1-9. PMID: 19571553

OMIM: 177735264350614491614495, 603136

Posted in Academia, Genetica Medica, Schede cliniche, Ultimo Aggiornamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *